Francesco Riccio vola in Centro-America: andiamo in El Salvador, centro-America, a scoprire come un viaggio può diventare qualcosa di più importante, quando alla passione si unisce il desiderio di aiutare e di cambiare le cose.

Francesco Riccio, naturalista partenopeo co-fondatore di Animerranti, ci racconta il suo viaggio in Centro-America,  fra piccoli villaggi, jungle, animali, rischi e pericoli, in cui ha saputo unire la sua passione per i viaggi ad un fine più grande ed importante.

Ciao Francesco, presentati ai nostri lettori

francesco riccio

Francesco Riccio

Ciao Annalisa, mi chiamo Francesco Riccio e sono un viaggiatore partenopeo dalle mille passioni, sempre impegnato in attività outdoor.

In quanto naturalista, mi fu chiesto di collaborare con alcune associazioni/ONG e di recarmi in El Salvador, centro America, per avviare uno studio ambientale sulle acque fluviali, la cui tossicità affliggeva diversi villaggi e popoli locali, causandone non solo gravi problemi di salute, ma addirittura il decesso.

E così che, armato di strumenti scientifici, macchina fotografica, passaporto e vaccini, sono partito per questa lontana regione al confine Honduregno.

Qual’è stata la tua prima impressione, giunto in El Salvador?

Dopo uno scalo a Madrid ed un altro in Nicaragua, con oltre 18 ore di volo, sono giunto nella capitale, San Salvador, dove tutto mi appariva in pieno stile centroamericano: afosa, colorata, confusionaria, con cibo ad ogni angolo delle strade e ragazzini che scorrazzavano tra la gente; accogliente direi… insomma, mi sembra di essere a casa, nella mia bella Napoli.

Ma la mia avventura era appena cominciata.

Mi attendeva un lungo viaggio, “comodamente” seduto nel cassone di un pick-up, per raggiungere il confine, lì dove qualcosa cambia…

francesco riccio

Francesco Riccio

La diffidenza delle persone e gli sguardi sgraziati, mi hanno fatto subito dimenticare la strana sensazione di sentirmi a casa.

Inizialmente non capivo perché la gente fosse tanto ostile nei miei confronti: ero lì per aiutarli, e per combattere la loro stessa causa; ma quando ho iniziato a visitare i villaggi, parlare con le persone, analizzare le acque… tutto mi è apparso chiaro.

Da decenni le loro terre sono martoriate dalle lobby di attività estrattive americane e canadesi che, senza alcuno scrupolo, distruggono chilometri e chilometri delle loro foreste per creare nuove cave estrattive;

e dopo anni di sovra sfruttamento, si lasciano alle spalle solo una lunga scia di terra arida, senza vita, le cui ripercussioni ricadono, come sempre, sulla vita delle popolazioni locali.

Le popolazioni vivono nei pressi degli stessi fiumi in cui le società riversano le loro sostanze altamente tossiche; ormai inquinati dai metalli pesanti, le acque diventano tossiche, e gli abitanti non hanno alternative su come né dove reperire acque potabili.

Pertanto, essendo un occidentale, ero visto come “El Gringo”, e temevano fossi stato inviato anche io lì per ingannarli e cercare nuove risorse da sfruttare al fine di avviare nuove attività.

Francesco Riccio

Francesco Riccio

Mi ci volle un po’ di tempo e tanta buona volontà per dimostrargli che ero lì con uno scopo ben diverso, analizzare le acque per aiutarli e dimostrare la vastità dei danni che le società straniere stavano arrecando al territorio ed alle popolazioni.

Ma una volta chiarita la mia posizione, all’ istante diventai come un vecchio conoscente, un buon amico, e perché no, un nuovo familiare; mi aprirono le porte delle loro case e, ancor più importante, i propri cuori.

Le persone che ho incontrato lì hanno lasciato in me un segno indelebile, insegnandomi quanto bisogno di aiuto ed amore ci sia nel mondo; in particolare nei paesi poveri e in via di sviluppo. 

In quali altri paesi sei stato e quali invece sono tra le prossime tappe?

francesco riccio

Francesco Riccio

Negli anni ho accumulato parecchie ore in volo; a volte non ricordo neanche i nomi delle città, ma soltanto recuperando i ricordi dalla mia memoria emotiva riesco a ricostruire quei miei viaggi.

Tra i principali, oltre El Salvador, vi sono il Vietnam del Nord, fra villaggi sperduti e non conosciuti, il Nepal, con l’ascesa all’Everest B.C., il Marocco, le Canarie, la Scozia e un po’ di classica Europa.

Destinazioni molto diverse, ma tutte con un loro fascino incantevole.

Guarda il video: Everest di Francesco Riccio

Guarda il video: Vietnam di Francesco Riccio

Le prossime tappe, invece, sono in fase di elaborazione…

Quale tra questi ti è rimasto nel cuore e in quale invece non torneresti più e perché?

Il cuore stesso è la mia memoria.

Riesco a ricordare un luogo solo se, ad esso, riesco a legarci un emozione; per questo direi che tutti i viaggi, per un motivo o per l’altro, hanno lasciato una traccia nella mia “memoria”.

Quali sono le principali difficoltà che hai affrontato?

Diverse difficoltà, in funzione del viaggio.

In El Salvador erano legate principalmente all’ostilità di alcuni campesinos dettate dai motivi già descritti, oltre alla pericolosissima zanzara del Dengue, di cui non esiste vaccino né cura.

Francesco Riccio

Francesco Riccio

In Vietnam, animali altamente pericolosi e letali erano la maggior preoccupazione, poi la giungla in alcuni tratti impenetrabile.

In Nepal, l’altitudine, la difficoltà del terreno impervio, lo sforzo del trekking ad alta quota per raggiungere il campo base dell’Everest, il cibo, le temperature; insomma, un po’ tutto.

Ma, infondo, posso affermare che tutte le difficoltà esistono perché siamo noi a crearle, innalzando muri che solo nella nostra mente non siamo in grado di superare; purtroppo vi è molta reticenza sociale che ci obbliga ad avere una percezione sbagliata di noi, convincendoci di ciò che non siamo, e impedendoci di vedere, vivere e superare i nostri reali limiti.

Cosa hai imparato viaggiando e come senti di essere cresciuto e/o migliorato?

Francesco Riccio Animerranti

Francesco Riccio Animerranti

Viaggiare è il miglior modo di vivere, di spendere il proprio tempo, di investire i propri risparmi, di imparare a convivere in questo mondo con altri esseri viventi e sentirsi una piccolissima parte del pianeta.

Insomma viaggiare è la parte migliore della nostra vita!

Quali sono i tuoi sogni nel cassetto?

Portare il cassetto in ogni viaggio ?

Cosa vorresti dire e che consigli vorresti dare a chi vorrebbe fare la tua stessa scelta di vita?

Hic et nunc!

Leggi anche:

E se anche tu ami viaggiare e vuoi condividere le tue esperienze di viaggio, esporre i tuoi dubbi, o semplicemente trovare l’ispirazione, visita la pagina Facebook Animerranti e il canale Youtube.

Scritto da Annalisa Galloni

Condividi...

Annalisa Galloni

Da sempre amante dei libri e della scrittura, inizia la sua carriera giornalistica nel 2015, come pubblicista e foto/video reporter. Famelica viaggiatrice, appassionata di fotografia, natura, trekking, viaggi e sport estremi, ha ritrovato l’unione di tutte le sue passioni nel ruolo di giornalista e copywrite. “Vivi in modo che tu possa desiderare di tornare a vivere.” Cit. FWN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.