Cosa vedere in un tour del Salento: Costa Adriatica

Cosa vedere in un tour del Salento nel versante della Costa Adriatica: dalla Grotta della Poesia al Faro di Palasciano, Piscina Naturale Marina Serra, Grotta Zinzulusa, fino a Santa Maria di Leuca.

Cosa vedere in un tour del Salento

Cosa vedere in un tour del Salento

Ha finalmente inizio il nostro splendido ed avvincente Tour del Salento, nel quale visiteremo luoghi unici ed incantevoli;

fra siti storici, noti o sconosciuti, luoghinaturalistici di rara bellezza, spiagge, mare, trekking e immersioni, vi condurremo alla scoperta di queste splendide terre e delle bellezze del posto, con tutti i consigli su dove andare, cosa vedere, dove dormire e dove mangiare.

Cosa vedere in un tour del Salento: Costa Adriatica

Dopo una visita alla splendida Gravina di Ginosa, proseguiamo il nostro viaggio per esplorare la Costa Adriatica Salentina, da Melendugno sino a Leuca, in oltre 70 km di meraviglia.

A differenza della Costa Ionica, la costa adriatica salentina è principalmente di natura rocciosa; scogli e rocce si alternano, quindi, alle spiagge sabbiose.

Iniziamo il nostro tour visitando le 5 Marine del Comune di Melendugno: Torre Specchia, San Foca, Roca Vecchia, Torre dell’Orso, Torre Sant’Andrea; 5 luoghi unici in cui un mare meraviglioso regna padrone.

Da visitare assolutamente:

Cosa vedere in un tour del Salento

Cosa vedere in un tour del Salento

La Grotta della Poesia a Roca Vecchia, dove potrete praticare un indimenticabile snorkeling, esplorando la grotta e le sue meraviglie nascoste, per poi sfociare in mare aperto.

Torre dell’Orso e la sua lunga spiaggia di sabbia, a cui si giunge camminando attraversando una pineta di alberi e dune di sabbia.

Torre Sant’Andrea ed i suoi incantevoli faraglioni, che spicca fra “le 15 spiagge più belle d’Italia del 2017 di Skyscanner”. Oltre ai faraglioni, camminando sulla scogliera verso la pineta, vi imbatterete in meravigliose calette naturali ed una piccola spiaggetta nascosta accessibile via mare.

Per chi volesse godersi una giornata di trekking, vi è un percorso lungo circa 15 Km, che conduce da Torre dell’Orso ad Alimini; trovate tutte le info sul trekking qui.

Proseguiamo poi in direzione Otranto, con una visita alla splendida cittadina e le sue spiagge, per poi recarci a Capo d’Otranto ad ammirare il Faro di Punta Palascia, che rappresenta il punto più orientale della nostra penisola Italiana.

Curiosità:Lungo la costa Pugliese esiste la più alta concentrazione di fari del sud. Inoltre, intorno a Capo d’otranto vi è il più gran numero di grotte e cavità sottomarine d’Italia (isole escluse); un patrimonio prezioso sia per bellezza che per biodiversità, le grotte infatti custodiscono al loro interno dei veri tesori carsici e biologici.

Dopo esserci meravigliati e incantati, continuiamo verso Porto Badisco, un fiordo dalle acque trasparenti e cristalline incastonato nella roccia e riparato dai venti.

Particolarmente adatto a famiglie con bambini, merito della piccola ma graziosa spiaggetta dalle basse acque; mentre i più impervi potranno distendersi sulla scogliera e cimentarsi in tuffi acrobatici.

Proprio da Porto Badisco, sulla via dei pastori, parte un meraviglioso trekking lungo poco più di 7 Km, di cui parte costa mare e parte nell’entroterra, tra masserie abbandonate e suggestivi sentieri stretti tra profonde fenditure carsiche, che conduce fino a Santa Cesarea Terme; per le info dettagliate del percorso clicca qui.

Cosa vedere in un tour del Salento

Cosa vedere in un tour del Salento

Continuiamo il nostro tour in direzione Santa Maria di Leuca, e lo sguardo vola fuori dal finestrino e ci lascia incantati; la strada costeggia il mare ed è completamente immersa nel verde con enormi vallate . Stiamo percorrendo uno dei tratti più belli della costa salentina, con un susseguirsi di calette e faraglioni scolpiti dal tempo, dal vento e dall’acqua.

Ci fermiamo per una sosta a Castro ad ammirare la Grotta Zinzulusa;

per poi raggiungere Marina Serra, ed immergerci nelle splendide acque della sua Piscina Naturale.

Dopo una pausa mare, sole e relax, proseguiamo per ammirare alcuni fra i percorsi naturalistici più antichi e meglio conservati del salento.

Partono infatti da Corsano, il paesino successivo, quelli che vengono definiti Li tratturi” : piccoli sentieri delimitati da muri a secco e che collegano in più punti l’entroterra al mare.

Potrete ammirare perfino le Pajare, delle piccole costruzioni rurali realizzata con la tecnica del muro a secco.

Fra Pajare e muretti a secco, l’incanto è assicurato.

Cosa vedere in un tour del Salento

Cosa vedere in un tour del Salento

Curiosità: Paiare e muretti a secco sono struttute achitettoniche che caratterizzano la tradizione edilizia del Salento.

Si tratta di costruzioni realizzate dal semplice incastro di pietre di varie dimensioni; e la dicitura “a secco” indica l’assenza di qualsiasi materiale collante. Alcuni di quelli oggi visibili sono stati costruiti dai contadini salentini secoli addietro.

La rete di sentieri “lì tratturi” venne battezzata come il nome di “Via del Sale” poiché veniva utilizzata per il trasporto del sale. 

Famoso è anche il Sentiero del Nemico, un sentiero che si snoda lungo la costa, fra tratturi e caverne visitabili, fino al Canale del Ciolo, a pochi chilometri da Santa Maria di Leuca. Dall’alto del ponte possiamo ammirare le splendide acque di questo fiordo e delle sue grotte natuali, accessibili esclusivamente a nuoto; mentre sul lato del ponte troviamo la scalinata che conduce alla spiaggetta ciottolosa.

Curiosità: Il particolare nome è dovuto al termine dialettale ‘Ciola’, che significa gazza ladra, volatile tipico del Salento e che ama nidificare proprio lungo la scogliera del luogo.

Giungiamo infine a Santa Maria di Leuca, dove il mare Ionio abbraccia quello Adriatico.

Oltre che per essere il virtuale punto d’incontro fra i due mari, Santa Maria di Leuca è conosciuta per la presenza di numerose grotte carsiche, circa una trentina, la cui varietà bellezza e varietà di colori che assumono le acque lascia senza fiato.

Per godere al meglio del loro fascino, è preferibile fare tour in barca per visitare le grotte situate a levante con la luce del mattino, e quelle situate a ponente nel pomeriggio; l’effetto delle rifrazioni luminose è molto più intenso e suggestivo.

Cosa vedere in un tour del Salento

Cosa vedere in un tour del Salento

Da non perdere anche una visita al Faro, sito a pochi metri dalla spaziosa piazza del Santuario, dalla cui terrazza è possibile godere della stravagante e splendida vista “sui due mari”.

Dopo questo meraviglioso tour della splendida Costa Adriatica, ci attende ora il Tour della Costa Ionica, del quale vi parleremo nel prossimo articolo, in un tragitto che ci condurrà da Santa Maria di Leuca sino a Punta Prosciutto.

Dove dormire e dove cenare
Per il vostro soggiorno vi consiglio il meraviglioso  Santa Maria di Leuca Camping, dove il calore e l’ospitalità sapranno trasformare la vostra vacanza in un’esperienza indimenticabile.

Una struttura che sa soddisfare le esigenze di tutte le clientele, dalle coppie in cerca di relax, ai giovani in cerca di divertimento, alle  famiglie con figli.

Aperto 365 gioni all’anno

Grazie alla qualità del servizio ed all’impegno costante a difesa dell’ambiente, il Camping Santa Maria di Leuca è stato annoverato tra le strutture turistiche di Legambiente turismo.

Avvertenze: Vi consigliamo di non superare i limiti di velocità,  vi sono infatti vari autovelox ai quali non potreste sfuggire.

Leggi anche:

E se anche tu ami viaggiare e vuoi condividere le tue esperienze di viaggio, esporre i tuoi dubbi, o semplicemente trovare l’ispirazione, visita la pagina Facebook Animerranti e il canale Youtube.

Scritto da Annalisa Galloni

Condividi...

Annalisa Galloni

Da sempre amante dei libri e della scrittura, inizia la sua carriera giornalistica nel 2015, come pubblicista e foto/video reporter. Famelica viaggiatrice, appassionata di fotografia, natura, trekking, viaggi e sport estremi, ha ritrovato l’unione di tutte le sue passioni nel ruolo di giornalista e copywrite. “Vivi in modo che tu possa desiderare di tornare a vivere.” Cit. FWN

2 commenti

Gravina di Ginosa: fra canyon e case-grotta. - Animerranti - Blog di viaggi · 28 giugno 2017 alle 14:46

[…] a seguirci per scoprire in nostro Tour del Salento, e se anche voi amate viaggiare e volete condividere le vostre esperienze, i vostri racconti di […]

Tour del Salento, 2° tappa: Costa Ionica. - Animerranti - Blog di viaggi · 1 luglio 2017 alle 8:58

[…] aver visitato la Costa Adriatica nella 1° tappa del nostro Tour, ed essere giunti a Santa Maria di Leuca dove “il mare Ionio abbraccia quello […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.